Una storia di
dolci emozioni

La nostra terra ci ha insegnato il gusto della tradizione, la bellezza dell’arte, il piacere dell’autenticità. Antichi borghi ricchi di storia e cultura. Questa è la nostra terra.

Qui nascono i nostri prodotti.

Cittadella

Bassano del Grappa

Marostica

Asolo

Cittadella

Un tuffo nella storia.

Presente già in epoca romana, fu ufficialmente costruita nel 1220 quale presidio difensivo nei confronti di Vicenza e soprattutto di Treviso, che qualche anno prima aveva fatto edificare Castelfranco, avamposto speculare (allora non sempre correva buon sangue fra queste città di vicinato).
Realizzata in forma ellittica, Cittadella rappresenta l’archetipo del borgo medievale fortificato, capace di evolversi dalla sua originale funzione in centro dinamico di relazioni economiche e commerciali.

La cinta muraria che la protegge, bellissima, alta mediamente 14 metri, è stata di recente interamente restaurata. All’interno, lo spazio è ordinato come un tempo da due traverse che raccordano le quattro porte d’ingresso, disposte sui quattro punti cardinali, e danno vita ai quartieri attraversati da caratteristiche stradelle.

Per questo quando la si passeggia si ha la nitida sensazione di vivere il passato nel presente, di aver fatto, appunto, un tuffo nella storia.

Memorabile.

Curiosità

Non si può lasciare Cittadella senza aver percorso il camminamento di ronda, lungo un chilometro e mezzo, unico in Europa. Si parte dalla Casa del Capitano, allocata nella Torre di Bassano. Durante il percorso si ha una splendida visuale della città dall’alto, in particolare sostando, a metà del camminamento, nella bella terrazza panoramica della Torre di Malta.

La Torre di Bassano ospita il Museo dell’Assedio e il Museo Archeologico, con reperti romani dell’antica Cittadella. Meritano una visita.

Da visitare, nel Centro Storico, le Porte d’ingresso, una diversa dall’altra, il settecentesco Duomo e il Palazzo della Loggia, restaurato nell’Ottocento in stile neoclassico, e gli incantevoli interni del Teatro Sociale.

Fra le tipicità del borgo, meritano di essere segnalati il suo dolce tipico, “la Polentina di Cittadella”, leggera e deliziosa, e l’originale aperitivo “Mesoevo”, citato dallo scrittore americano Ernest Hemingway, e ricreato da Christian Conte, titolare del “Caffè Milano”.

Per queste mura, rinuncerei all'intera Londra

(R. Browning)